Housing sociale

DSC_0015_BN


Il termine Housing Sociale indica quegli interventi di politica abitativa d’interesse pubblico che vanno oltre i confini dell’Edilizia Residenziale Pubblica e che vedono il concorso di soggetti privati e non profit.
Con tale termine si identificano tutte quelle attività con finalità sociali messe in campo nel nostro Paese da organismi pubblici o privati per affrontare il disagio abitativo, non solo delle fasce in assoluto più deboli della popolazione, ma anche di quella vasta area intermedia di persone che si trovano a fronteggiare il problema abitativo pur potendo contare su un reddito e su una condizione di relativa stabilità.
Fanno parte di quest’area le famiglie monoreddito, lavoratori precari, famiglie monogenitoriali, giovani ed anziani.
L’Housing Sociale rappresenta, quindi, uno degli strumenti tramite il quale sostenere quest’area intermedia di persone che non rientra nei canoni di povertà economica previsti per accedere all’Edilizia Residenziale Pubblica ma che allo tempo stesso non è in grado di misurarsi con il mercato dell’abitare.
L’Edilizia Sociale si caratterizza soprattutto come mercato dell’affitto, ma anche per percorsi finalizzati alla proprietà differita e all’acquisto a riscatto dell’appartamento utilizzato.
In particolare, secondo il Cecodhas, il Comitato Europeo per la promozione del diritto alla casa, Social Housing significa offrire alloggi e servizi con forte connotazione sociale, per coloro che non riescono a soddisfare il proprio bisogno abitativo sul mercato (per ragioni economiche o per assenza di un’offerta adeguata) cercando di rafforzare la loro condizione.
In Italia, purtroppo, l’Housing Sociale non ha una definizione giuridica; la sola definizione esistente è quella di Edilizia Residenziale Pubblica (ERP) che fa riferimento all’intervento diretto del settore pubblico nel comparto abitativo (che incide molto poco sull’offerta residenziale, circa il 5%).
Tale carenza legislativa, complica il dialogo con la P.A. e, quindi, complica la realizzazione di progetti di Housing Sociale.
Ad ogni modo, i punti fondamentali su cui battere nei rapporti con la P.A. per la promozione e lo sviluppo dell’Edilizia Sociale, sono: a) le relazioni con le comunità e i residenti; b) la legislazione e il quadro normativo; c) i criteri di assegnazione; d) l’accesso ad aree a costi calmierati, attraverso la pianificazione territoriale e l’identificazione delle aree; e) l’accesso al credito, tramite finanziamenti agevolati e fondi di garanzia; f) le agevolazioni fiscali, regime IVA speciale, costi di costruzione e urbanizzazione agevolati.

pdf Sezione download

 Quadro normativo

La questione abitativa e il Social housing