Che fenomeni quelli del Parlamento!

Saltimbanchi

In riferimento al Disegno di legge (A.C. 2617), di cui la XII Commissione Affari Sociali della Camera avviò l’esame lo scorso 1° ottobre, composto da sette articoli e concernente la riforma del Terzo Settore, la Camera il 09.04.15 ha approvato il testo definitivo con alcuni emendamenti.

Il più corposo degli emendamenti è il seguente: “(*) Art. 1. (…) Per Terzo settore si intende il complesso degli enti privati costituiti con finalità civiche e solidaristiche che, senza scopo di lucro, promuovono e realizzano attività d’interesse generale, anche mediante la produzione e lo scambio di beni e servizi di utilità sociale conseguiti anche attraverso forme di mutualità, in attuazione del principio di sussidiarietà e in coerenza con le finalità stabilite nei rispettivi statuti o atti costitutivi per il perseguimento senza scopo di lucro, di finalità civiche e solidaristiche e che, in attuazione del principio di sussidiarietà e in coerenza con i rispettivi statuti o atti costitutivi, promuovono e realizzano attività d’interesse generale anche mediante la produzione e lo scambio di beni e servizi di utilità sociale nonché attraverso forme di mutualità (…)”.
CIRCA SEI MESI PER (RI)FORMULARE I MEDESIMI CONCETTI!!

(*) Barrato il testo cancellato, in grassetto il testo aggiunto.