Quali attività si considerano non commerciali per un’associazione non profit?

Non Profit

Per le associazioni riconosciute e non riconosciute l’articolo 143 del DPR 917/86 (Tuir) stabilisce che non si considerano attività commerciali le prestazioni di servizi non rientranti tra quelle previste dall’articolo 2195 del Codice civile rese in conformità alle finalità istituzionali dell’ente, senza specifica organizzazione, e verso pagamento di corrispettivi che non eccedono i costi di diretta imputazione.

Qualora la specifica attività sia svolta in conformità ai requisiti richiesti dal citato articolo 143 allora essa è da considerarsi attività non commerciale.

Attenzione però, devono sempre sussistere tutte le condizioni richieste e quindi la detta attività deve essere prevista tra gli scopi statutari, deve essere svolta senza specifica organizzazione, e i corrispettivi pagati dai partecipanti non devono eccedere i costi di diretta imputazione.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*