Parliamo dell’affitto con riscatto (Rent to Buy).

Foto

Per far fronte alla difficoltà del mercato immobiliare il Legislatore ha introdotto una nuova forma contrattuale denominata “Rent to Buy” (affitto con riscatto).

Tale istituto consente di entrare subito nell’abitazione scelta, dapprima in locazione e successivamente nella piena proprietà, al completamento del processo di acquisto che si concluderà entro il periodo concordato ad un prezzo pattuito e bloccato.

Disciplinato dall’art. 23 del D.L. 133/2014, il Rent to Buy prevede quindi l’immediata concessione del godimento del bene al conduttore che, entro il termine determinato nel contratto, potrà esercitare il diritto di acquistare il bene, con il vantaggio di imputare a corrispettivo del trasferimento (vendita) tutti o parte dei canoni versati, secondo quanto pattuito.

In caso di inadempimento, poi, il concedente/venditore ha diritto alla restituzione dell’immobile ed acquisisce interamente i canoni a titolo di indennità.

La norma, inoltre, lascia le parti libere di determinare la durata, gli importi e il numero dei canoni, a condizione che al venir meno del pagamento di un minimo di canoni si risolve il contratto.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*