LA MEDIAZIONE IMMOBILIARE – AGENTI, RAPPRESENTANTI E MEDIATORI

Domanda: Ho dato incarico a un’agenzia immobiliare per la vendita di un appartamento. L’agenzia ha venduto l’appartamento con tanto di firma e acconto del 10% sull’importo totale pattuito. L’acquirente, dopo un mese, rinuncia a detto acquisto. Devo pagare per intero la mediazione all’agenzia oppure solo sull’acconto, visto che la vendita non è andata a buon fine?

Risposta: In tema di contratto di mediazione, il diritto del mediatore alla provvigione resta insensibile alle vicende successive alla conclusione dell’affare, salvo che le parti, nell’ambito della loro autonomia, abbiano subordinato il diritto alla provvigione al buon andamento dell’affare medesimo. La provvigione deve ritenersi esclusa solo quando la risoluzione del contratto sia ricollegabile all’inosservanza dei doveri posti a carico del mediatore per l’esistenza di una causa a lui nota o conoscibile e di cui il medesimo avrebbe dovuto informare le parti. Nella fattispecie in esame si ritiene, pertanto, che il venditore debba corrispondere al mediatore l’intera provvigione pattuita all’atto del conferimento dell’incarico. Il venditore, tuttavia, potrà trattenere la caparra confirmatoria versata dall’acquirente resosi inadempiente, oppure agire giudizialmente nei confronti dell’acquirente medesimo chiedendo l’esecuzione in forma specifica dell’obbligo di concludere il contratto definitivo di compravendita (art. 2932 Codice civile) o, in via alternativa, la risoluzione del contratto preliminare e il risarcimento dei danni cagionatigli.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*